• images/stories/testata/testata sito1.jpg
  • images/stories/testata/testata sito2.jpg
  • images/stories/testata/testata sito3.jpg
  • images/stories/testata/testata sito4.jpg
  • images/stories/testata/testata sito5.jpg
  • images/stories/testata/testata6.jpg
Home Eventi Premiazioni - Vento e Tradizione - Trofeo "Donna Franca"

Premiazioni - Vento e Tradizione - Trofeo "Donna Franca"

Ecco un piccola fetta di questo splendido evento

 

clicca sulla foto per visualizzare il video

trofeo donna franca pieghevole

Il Trofeo Challenge “Donna Franca”, commissionato dall’ Associazione Vela Latina Trapani, al maestro argentiere Antonino Amato che l’ha realizzata nella sua bottega di Palermo, è una coppa d’argento del  peso di kg. 2,185 per 72 cm d’altezza. Tale Trofeo è intitolato a Donna Franca Florio,I Florio sono una famiglia italiana di tradizione industriale che fu protagonista del periodo della cosiddetta Belle époque. La vicenda storica della famiglia, di origini calabresi, si svolse nella ricca Palermo degli anni a cavallo fra il XIX e il XX secolo.

 

La nobile e bella Franca Jacona di San Giuliano, colei che D'Annunzio chiamerà "donna Franca".

Il Trofeo è impreziosito alla base da quattro gocce di corallo di Sciacca al naturale che rappresentano simbolicamente le quattro isole Egadi. Sotto ad ognuna di queste gocce è incisa la lettera iniziale del nome di ognuna delle isole e la base  è costituita da tre gradini sovrapposti di tre tipologie di legno diverso, (Gelso, Mogano, Pino Silano) che rappresentano le tre tipologie di legno usate dalle maestranze Trapanesi per costruire le imbarcazioni da lavoro del territorio.
La base è stata realizzata dal maestro Battista Balistreri di Favignana. Il Trofeo sarà conteso tutti gli anni nella più grande delle isole Egadi (Favignana). 
Secondo la leggenda il Dio Elios inviava il suo gregge ai pingui pascoli dell’isola di Trinacria, affidandolo alla custodia delle due graziose figlie, le pastorelle Fauetusa e Lampatia, nate da suo amplesso con la giovane Neerea. Così i nomi delle isole Egadi prenderebbero origine dai due nomi delle pastorelle e dalla loro madre: Auegusa – Favignana (Fauetusa), Pharbantia – Levanzo (Lampatia) e Hiera – Marettimo (Neerea).
L’isolotto di Formica invece è un piccolo lembo di terra, quasi un grosso scoglio che trae il suo nome dalla singolare “invasione” di formiche sui suoi scogli coperti di una pianta viscosa.

Seguici su Facebook:

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito Web e la vostra esperienza durante l'utilizzo. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consultare la nostra POLITICA SULLA PRIVACY. Accetto i cookie da questo sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information